In this interview by Francesco Merolli (Le non-dimissioni di Benedetto XVI. Non praevalebunt) [1] Andrea Cionci explains to the Italian site La Finanza Sul Web how our beloved Benedict XVI only apparently resigned when the Latin text of his resignation is read carefully.  Two words ministerium and munus are analyzed in an effort to understand the nature of the act by which Pope Benedict XVI surprised the Church and  the whole world back in 2013. There is also a rather daring interpretation of the Bishop Dressed In White. I do not personally agree in toto with Mr. Cionci’s interpretation but I do believe he has a point when he calls our attention to the mirror-like quality of certain aspects of the vision. The rest of the interpretation could be challenged but Mr. Cionci humbly and sincerely admits his own limitations. Yours truly does the same from time to time when rollerblading where angels fear to thread. This is a very interesting exposition and some of the elements presented will be considered in the next post. Due to personal pressures and a bit of bad health, it took me a long time to complete the Italian transcription, unfamiliar as I am with contemporary peninsular parlance –not to mention the fact that I never took dictation in the language of Dante– It was a challenge. I hope the results are half decent for someone who learned Italian mainly reading the great classics of that great culture. Kind corrections welcome.


The non-resignation of Benedict XVI. Interview with Andrea Cionci

Merolli: Good evening and welcome to our audience of Finanza Sul Web. Welcome also to Andrea Cionci. Good evening.

Cionci: Thank you. Good evening, Francesco.

Merolli: Good evening to you. We thank you because last time we had a special introductory episode that explained a little, giving the coordinates to the public who did not know much about these things. That program had a great success evident both in the comments most of which seemed constructive and encouraging. This is a very positive thing.

Well, today we want to start talking about a scoop that you want to share with us … You want to tell us something that is very-very important regarding the question of the munus and the ministerium that can be explained very quickly. Tell us what is it and then tell us the whole matter.

Cionci: Yes. Indeed, we can say this is some juicy scoop. A small introduction: in 1983 Cardinal Ratzinger and John Paul II split the papal office into two entities: munus and ministerium, the title being the exercise of [papal] power.

In this way a “mirror” mechanism was created, a very simple one that is almost hypnotic. To wit: if the Pope renounces the munus, the title, he abdicates according to the norm of Canon 33, 2.2. If he, on the other hand, renounces the ministerium, he finds himself in sede impedita. Prevented to exercise his power, the Pope remains Pope although he is imprisoned.

We know that Benedict XVI renounced the ministerium therefore, for this reason (for myself along with other canonists, religious, theologians, etc.) there is only one Pope although it is not specified which of the two.

Now, in the foreign language translations of the Declaratio that we have had for the last eight years –that Declaratio was really a proclamation of a sede impedita– the munus and the ministerium are translated using a single word: ministero in Italian, ministère in French, ministerio in Spanish and Portuguese, ministry in English. Therefore, the fundamental distinction between munus and ministerium in foreign languages ​​is not evident, except in one language: German. In German we have a distinction between the munus and the ministerium. The munus, which is called Amt and the ministry which is called Dienst.

Merolli: So both Latin and German are said to have a two different words for the two … [concepts]

Cionci: Precisely. We have the munus which is the Amt and the ministerium which is the Dienst. What I have just discovered — truly with dismay — is that in the German version of the Declaratio, the Amt and the Dienst are each in the place where the other should be. I’ll simplify it to make it clearer:

“… ad cognitionem certam perveni vires meas ingravescente aetate non iam aptas esse ad munus Petrinum aeque administrandum.” (Benedict XVI, Declaratio, 11 February, 2013)

Basically, Benedict XVI declared in Latin: “since the munus has become tiring for me, I renounce the ministerium” and so we enter into a period of sede impedita.

“… qui ultimis mensibus in me modo such minuitur, ut incapacitatem meam ad ministerium mihi commissum bene administrandum agnoscere debeam.” (Benedict XVI, Declaratio, 11 February, 2013)

In German, the literal translation should have been: “since the Amt has become too tiring for me, I give up the Dienst.” In reality, if you go and check on the Vatican website, the German version says the opposite: “since the Dienst became too tiring for me, I renounce the Amt.” In the German version, Benedict XVI renounces the munus, the title of Pope. Therefore, the German text of the Declaratio seems to all intents and purposes a renunciation to the papacy. But as the only version what matters is Latin –that is the official language of the Church– the very language in which Benedict XVI himself uttered his Declaratio, this inversion appears like a gimmick, like a little trick to cheat the German clergy, those German canonists for whom in fact, the resignation does not [appear to] present any canonical problem. For them the Declaratio is a renunciation of the papacy in all respects.

Germans are meticulous but this time they weren’t meticulous enough to go and check if between the Latin version and the German version there was a real correspondence between the placing of the word Amt and the placing of the word munus. Do you understand? So, from this we have yet another proof of the fact that Benedict XVI was forced to abdicate, but he retired, he self-exiled in sede impedita. Since his main enemies are the German clerics, the Germans could not be given an ambiguous word such as ministry, ministère, ministerio, as it happens in other languages, because the Germans then would have asked: “Yes, but which of the two ministries? Would that be munus ministry or the ministerium ministry?” It is quite grave that in [our] Italian, which is a language so directly linked to Latin, no one familiar with this matter has ever analyzed the problem.

Merolli: For example, it is easier for Italian speaking people …

Cionci: Of course, but [the lack of a distinction] is done on purpose. Because when Pope Benedict says “yes, yes! My renunciation to the ministerium” [the phrase] may sound valid for someone who does not speak Latin and who is ignorant of Canon Law. Such person does not know that [Benedict XVI] is referring to the ministerium ministry and not to the munus ministry.

Okay, because the same word means both entities that are very different and that have no transitivity between them –because there can be a Pope with the munus who for reasons of force majeure renounces the ministerium if imprisoned, expelled by an antipope, etc. But one cannot be a true Pope with only the ministerium. It is necessary to acquire the munus as well.

To clarify: a Count who is able to rule his lands even if he then falls into financial ruin he always remains a Count. Even if he has no lands to administer. If he is replaced by an administrator charged with managing his lands, the administrator does not become a Count. That is why we can speak of a ‘mirror mechanism’. Imagine a flower pot in front of a mirror. The vase exists regardless of its image reflected in the mirror. But the image reflected in the mirror cannot exist without the original vase. A Pope without ministerium cannot exist because he is a dethroned Pope, an imprisoned Pope. A dethroned Pope as there were, for example, in the first millennium. Pope Gregory V, Bruno of Carinthia [Latin: Gregorius V; c. 972 – February 18, 999] first German Pope, or Pope Benedict VIII [Latin: Benedictus VIII; c. 980 – 9 April 1024]. Both were temporarily expelled by their enemy antipopes and then resettled on the Petrine throne in both cases.

In fact, Benedict XVI in the book Latest Conversations of 2016 reveals this point in a sentence when a German journalist Seval Dagli asks: “So, Your Holiness, how did you feel when you resigned?” And Benedict replies: “It’s not that simple, of course. No Pope resigned for a thousand years but even in the first millennium there were exceptions.” Now, since six popes resigned in the first millennium, and four resigned in the second millennium . . . If we give the same meaning to the word “resignation” to the word “abdication” then what Benedict XVI is saying sounds absurd. Unless we consider his consistent use of the word “resignation” that of a resignation from the ministerium, an abandonment of the practical exercise of the Papal power. In fact, we have that in the first millennium, as he rightly says: “before the Gregorian Reform” there were two Popes who were forced to renounce the ministerium but they remained Popes: the aforementioned Gregory V and Benedict VIII the first German Pope, and Pope Benedict who took the same name.

[NOTE: Here too we find a curious historical coincidence: on one hand the first German Pope, and on the other hand, a Pope who was also called Benedict, that is Benedict VIII. Notice 8 is half of 16. But let us not allow these coincidences divert us away from our subject.]

So, with that sentence, Benedict XVI tells us: “I resigned like the Popes who did not abdicate.” Why? Because [in the manner of those Popes] he is in a condition of sede impedita.

Cionci: In one article published a few days ago you talk about this “bishop dressed in white” and it is not clear who this bishop is, and –in one occasion, in Fatima– even Bergoglio himself speaks of this “bishop dressed in white.” Now we can also listen briefly to the clip and comment on who this bishop dressed in white is (usually bishops aren’t [dressed] in white.)

[NOTE: Bergoglio’s words are in Portuguese]

“Hail Mother of Mercy,
Lady in the white robe!
In this place where a hundred years ago
you showed to all the plans of the mercy of our God,
I look at your robe of light
and, like a bishop dressed in white,
I remember all who,
dressed in baptismal white,
want to live in God
and pray the mysteries of Christ to achieve peace.”

Merolli: I agree, Andrea. We’ll explain very quickly for those who do not know, (a) what is the third secret of Fatima, what happened in Fatima in 1917 in a span of a few months, and (b) who was Sor Lucia.

Cionci: Sure. [The Fatima event] is a very famous and very important Marian apparition recognized by the Church. The Virgin Mary appeared to three little shepherds in a rural region of Portugal and essentially gave them three messages. The last [message] was unsealed and made public in 2000. Now, the third secret of Fatima …  its fulfillment was attributed to the attack that Pope John Paul II suffered in 1981. Why? Because that was a shooting involving a Pope, etc.

I took the liberty of providing my own interpretation which, of course, is worth as much as any journalist’s interpretation is. It do not want to present it as an absolute truth mainly because in the world of prophecies one cannot [claim] a certainty, no one can claim such right. However, since other journalists have strived to provide interpretations in the past, I humbly tried my hand at it too.

So we see that the figure of the mirror is essential to understand this matter. Appearances can be deceiving: there is a reality and there is a fictitious reality, there is a munus which is the object and there is a ministerium which is its reflection. We have a true Pope who is impeded and looks like a former Pope, and in his stead we have an antipope who looks like a true Pope. One is the reverse of the other. Therefore this mirror image quality emerges from the matter of Benedict’s Declaratio. I found it again in the third secret of Fatima. Why? What does Sister Lucy say? She says:

“And we saw in an immense light that is God: “something similar to how people appear in a mirror when they pass in front of it,” a bishop dressed in white. “We had the impression that it was the Holy Father.” Other bishops, priests, men and women religious going up a steep mountain, at the top of which there was a big cross of rough-hewn trunks as of a cork-tree with the bark; before reaching there the Holy Father passed through a big city half in ruins and half trembling with halting step, afflicted with pain and sorrow, he prayed for the souls of the corpses he met on his way; having reached the top of the mountain, on his knees at the foot of the big Cross he was killed by a group of soldiers who fired bullets and arrows at him, and in the same way there died one after another the other bishops, priests, men and women religious, and various lay people of different ranks and positions. Beneath the two arms of the Cross there were two angels each with a crystal aspersorium in his hand, in which they gathered up the blood of the Martyrs and with it sprinkled the souls that were making their way to God. ” [2]

Now, Sister Lucy sees a bishop dressed in white “in the manner that people pass in front of a mirror, in front of a great light.” So, this thing worried me because Bergoglio is actually, a bishop dressed in white. Why do I say so? As the true Pope [considering the evidence above] has not abdicated, he is in sede impedita, Bergoglio is [effectively] an antipope. Therefore, since we know that one man’s cardinal’s purple is extinguished as he ascends to the papacy, the same thing happens [when he becomes] an antipope. Bergoglio is in fact “a bishop dressed in white.” Let’s make a pause here.

Why is the cardinalate lost with the papacy [and/or] the antipapacy? — because the title of cardinal is a title of dignity, it is not a sacramental title. Therefore, [first] consider a prince who has the title of Cardinal of the church of Santa Maria degli Angeli. The title of antipope encompasses the whole Church. Correct?  [Because] the antipope has the whole Church under his name he can bear no longer a mere [parochial] title. That is why Bergoglio is no longer a Cardinal but he is a Bishop who by virtue of being an antipope he is now [not a Pope but] a bishop dressed in white. Now, this “bishop dressed in white seen in the mirror” is part of the second secret of the Fatima message. And then, the Holy Father is mentioned [separately]. That  made me think because in this second part we see this “Holy Father” brutally killed after ascending the mountain. In my opinion, [this scene] should be properly interpreted the other way around. Why? Because it is a [reflection,] a mirror-like image! [NOTE: “something similar to how people appear in a mirror when they pass in front of it,”]

So, in my opinion, we are not talking about a true Pope who, poor thing, laboriously climbs up the mountain and then is brutally slaughtered there … [Merolli talking in the background: “we are talking about a symbol…”]

Merolli: … not only a symbol, but of a series of symbols …

Cionci: The whole interpretation is obviously symbolic, dreamlike, so to speak. But above all, it is not the true Pope who climbs the mountain and is killed. [3] I interpret it like this:

This bishop dressed in white laboriously climbs up a mountain to arrive “at a cork cross.” Why “cork”? See, cork is a most commercial material. Cork, as we all know, is a light, fragile, porous, maleable material. Above all, its bark [easily breaks into] pieces, so much that we use it in the [representations of the Christmas] manger, we simulate mountains, or tree trunks using pieces of cork. Then, a cross made of cork bark could never support the weight of a crucified man. So, in my opinion, the cork cross signifies this great globalist religion that the antipope Francis is trying to construct; which is a false, empty, hollow religion … which cannot bear the weight of the Crucified. To wit, it lacks the sacrifice of Christ. In fact, as we have already said many times, we are witnessing a carving of Catholicism which is emptied of its essence, –i.e. the Marian and the Eucharistic devotions– and is apparently destined to become the container of a macro-religion functional to the new world order which Bergoglio himself hopes for.

Let us not forget that interview of March 13, 2021 with the newspaper La Stampa. There, Bergoglio said that we must not waste the health crisis but use it to build a new world order. If he said so, we can believe him. The new world order needs a new world religion. This new world religion must be able to absorb all other religions and therefore, inevitably, the identity elements of Catholicism must disappear: good-bye worship, good-bye liturgy. [What remains] is only this “be good, do good”, this absolute mercy, we all go to heaven, etc. It’s certainly confusing.

So, when the antipope here manages to fulfill his dream of realizing this false globalist religion, by kneeling in front of the cork cross, soldiers arrive and shoot him.

Now, in my opinion, this scene [should be interpreted] on a symbolic level. We see the Catholic militants, the new crusaders we could say, who unmask him, who delegitimate him, who depose him as an antipope. So let’s say the killing is clearly symbolic. Now the Bergoglianites will tell me that I am inciting an attack on Pope Francis, let alone put him on the spot. That is the kind of [pety] debate that is out there. Nevertheless, it is a symbolic killing. Interpretation: A group of soldiers  shoot at [the Bishop in white] with firearms and arrows: those shots — in my opinion — are in fact witnesses, articles, truths, even demonstrative actions. Today I saw that a priest, (I think [he was] American, perhaps English, I don’t know) in St. Peter’s yelling at Francis saying: “you are not king, you are not Pope” something of that sort. These striking gestures are also part of a series of blows that this Pope suffers.

One important and symbolic clue — in my opinion — is to understand the meaning of “praying for the souls of corpses.” It makes no sense to say “praying for the soul of a corpse” because the corpse is, by definition, an inanimate body [without a soul]. So what could this mean? I think by using the term “corpses” the message refers to spiritual corpses, that is spiritually dead people, walking cadavers to put it that way. In this sense, Bergoglio can pray either to his divinities in his unknown pantheon, or to the world to welcome the more secret instances, the inner will, the soul of these spiritual corpses, of these spiritually dead people that he meets on his path [Those who,] from a Catholic point of view, we could identify as all those non-Catholic VIPs, openly atheists, secularists, and fake Catholics that Bergoglio meets and enables. I think of Scalfari, Biden, Obama, Emma Bonino … all those characters who have nothing to do with Catholicism but rather have a definite anti-Catholic position. I am not saying that they are wrong … [I am saying] they are anti-Catholic. For example, Emma Bonino is responsible for introducing abortion in Italy. She cannot be defined as a Catholic! Biden, who is a ninth month abortion extremist cannot be called a Catholic. Am I being clear?

So — in my opinion — these walking corpses for which the false Pope prays, are those characters. In fact it is also said that this “bishop dressed in white” crosses a large city that is half in ruins, that is, he cuts his way through a large city [dividing the city in two]. What great city could the Pope be in? Rome! Hence, this antipope splits the papacy in two destroying half of it and thus the true Catholic Church is ruined. So he cuts, “crosses” in the sense of cutting in two, of separating this great city: one part [of the city] is ruined and then he climbs up for this arduous undertaking: to bring about the new globalist religion.

That is my interpretation.

Merolli: Symbolically, [that walk could be] the stroll [Francis] took through the Via dei Corso in 2020, right? There, during the coronavirus, at its peak moment. In fact, in your article at some point you talk about these great flames that [seem able to] set the whole world on fire, which could be in a certain sense interpreted as covid, the [various] outbreaks of covid. You have given even a political interpretation of the article.

Cionci: Yes, indeed. Your observation of the walk through the Via Condotti is interesting.

Merolli: No, it was the Via del Corso. He [Bergoglio] walked from Santa Maria Maggiore.

Cionci: Yes. A reader called my attention to his trembling step and the wavering step of the “bishop dressed in white.” There is a parallel, let’s say a rather naturalistic parallel, with the actual swaging that Bergoglio has developed. He does not walk well due to a hip problem, he has an unsteady step. Here I have abstained from making comparisons with physical reality because in my opinion, it is necessary to remain on a symbolic, logical-symbolic level. As if we were interpreting a dream: the sea, a house are all interpreted [accordingly], etc.

Merolli: I don’t want an answer in this sense … it’s clear. But I wanted to ask you, I wanted to invite you to  reason about something that came to my mind. I have studied the phenomenon of self-fulfilling prophecies. In other words, the prophecy that becomes so important that later turns into a reality because people take it in, and make it happen.

Cionci: Look, I don’t have the means to decide or make predictions like that, I can tell you that the current reality seems (to me) to coincide with this interpretation of the third secret of Fatima. I would like to say that my interpretation remains the same. Let’s say in a certain way, I think I was able to give a charitable explanation of all these strange dream details: the crystal aspersorium, the cork cross, and (just like you observed in the first part) the reference to the angel with the sword of fire. There is an angel with a sword of fire in his left hand. [The sparkling sword] emitted great flames that seemed to set the whole world on fire. But that was extinguished by the splendor that Our Lady projected from her right hand towards him. Now, we can say that the world is roughly divided into left and right. All world governments are left, they are right, they are conservative or progressive. On the progressive side, we cannot but admit the fact that covid has been viewed with some apprehension. So these great flames that seemed to set the whole world on fire could be interpreted as an alarmist vision (perhaps excessively alarmist and apprehensive) of covid. That seems to be setting the whole world on fire.

On contact with Our Lady’s right hand the danger is averted. That is, from the right hand on the right side of the world and not the right-wing, conservative world governments. The way covid was approached was one of containment, [trying to isolate] and reduce the problem, right? So I believe that this reference to  left hand/right hand should be understood as [the natural] sides: left side/right side. In this sense we can find a certain coherence, however, I must rest here and certainly –one thing I want to specify–My research was not based on prophecy. I am at the end of the investigation. Once the general premise has been configured, one can also see a correspondence in the prophecies. As a corollary, [that one can accept or reject]: the approach to the question must be secular because that is good both for the secular [public] and for Catholics in the sense that this is a canonical, factual, legal issue. This is not a faith-based approach, however respectable [that is] it does not a concern [me as] a journalist.

Merolli: It is clear that if Pope Ratzinger himself said in 2010: “Anyone who thinks that the prophetic mission of Fatima has ended” would be delusional, this [the prophetic aspect] should be an important consideration in dealing with this story.

Cionci: This is a factual inquiry as I have pointed at. Last year I wrote an article about this idea, that Pope Ratzinger — a great connoisseur of Fatima — probably drew his inspiration precisely from the mirror mentioned in the prophecy to structure the “mirror” mechanism between munus and ministerium. Let me remind you one more time: the Pope can have the munus and renounce the ministerium. He remains Pope but impeded, prevented from exercising his power. But a Pope cannot have the ministerium — that is the exercise of power — and automatically [take posession of] the munus because otherwise it could mean [canonically] endorsing an usurpation. It would mean endorsing a situation like [a nobleman], a Count who does not administer his lands but always remains a Count; and the administrator who administers the Count’s lands does not become Count [on account of controlling the Count’s land.] Even if some Bergoglian canonist theologians try [to force the issue.] They said that “since Bergoglio is in the ministerium therefore he automatically has the munus” which is a canonical absurdity. But they are making it up [as they go], they are really struggling to obscure the matter to find the Declaratio canonically legitimate. Now they will also have to deal with the German version in which [the words] munus and ministerium are reversed. Let’s see how they manage to explain that!

Merolli: Andrea, another question is related to this new world order you told us about — Bergoglio is going in that direction as far as we can understand — but many commenters, many listeners in many blogs are saying: “let’s not forget that also Benedict XVI spoke of a wish to move  towards a new world order. Could we explain that once and for all? Does that make sense?

Cionci:  Certainly. This matter of Benedict XVI endorsing a new world order is one of the most grotesque misunderstandings coming from certain traditionalist viewpoints. It was truly a glaring mistake because it refers to a 2008 Christmas speech by Pope Benedict. At the time no one had any misgivings [on that speech.] There, Pope Benedict basically said that the only [possible] new world order is the one that [will come] under the aegis of the Infant Jesus. So, you understand well that he used the word “new world order” [in this context]: “Gentlemen, it is useless for you to try to make your own new masonic world order, etc. because in the end, the only new world order is the Kingdom of God, the Kingdom of Jesus Christ and the Infant Jesus who arrived at Christmas . . .”, etc. And therefore, to say that Benedict XVI winked at masonic globalism in that speech is the stupidest thing anyone can say. It is so clearly a denial [of globalism] as Pope Benedict [could have pronounced.] Isn’t it? It was a hyperbole, he said a new world order can exist only under Jesus Christ. In fact that is exactly what the Catholic Church aims to do:  to invade the world, to unify it under the Catholic religion. That is quite a different project from the masonic [global order] whose characteristics we know very well. They are as different as night and day.

Merolli: I thank you, Andrea Cionci.

Cionci: Thanks to you, thanks to this [media] space and honor to you because you are one of the very few media outlets that [dared to] disclose this information that is kept completely under wraps, under complete censorship.

Merolli: Good. Please come back for a chat soon. Thanks Andrea!

Cionci: Thanks again.

 

References

[1] Below, my transcription of the conversation between Francesco Merolli and Andrea Cionci as it appears in the video recorded broadcast. My knowledge of Italian punctuation rules is, to say the least, very bad. So, if someone with academic knowledge of the beautiful language of Dante wants to correct this text, please contact me and I will certainly oblige. Until then, my Italian only goes this far.

___

In questa puntata Andrea Cionci ci spiega come Benedetto XVI si è apparentemente dimesso in latino, la lingua ufficiale della Chiesa, ma si è correttamente dimesso in tedesco. Ministerium e Munus sono le due parole chiave per capire l’enigma del “Codice Ratzinger”. Secondo la regola dei pubblici avrebbe dato… a ciascuno il suo.

___

Francesco Merolli: Buona sera e ben trovato al pubblico della Finanza Sul Web. Bentrovato ad Andrea Cionci. Buonasera.
Grazie.

Andrea Cionci: Buonasera Francesco.

Francesco Merolli: Buona sera a te. Che ringraziamo perché la scorsa volta abbiamo fatto questa puntata speciale introduttiva che spiegava un po, che da un poco le coordinate all pubblico che non conosceva tante cose che ha avuto un ottimo succeso visto sia nei commenti che me sembravano quasi tutti construtivi, incoraggianti insomma quindi questa è una cosa positivissima. Bene, oggi vogliamo parlare innanzitutto di uno scoop che tu ci vuoi … ci vuoi dare cioè uno scoop insomma, ci vuoi raccontare di una cosa è molto-molto importante riguardante la questione del munus e del ministerium che si spieghi un attimo velocissimamente di nuovo di che cosa si tratta e poi ci racconti questa … questa questione per se.
Andrea Cionci: Sì. Efettivamente, si tratta -possiamo dire- di uno scoop a tutti gli effeti. Un piccolo preambolo: nel 1983 il Cardinale Ratzinger e Giovanni Paolo II scompongono la carica papale in due enti: munus e ministerium, il titolo è l’esercizio del potere [papale].

In questo modo si crea un meccanismo “a specchio”, molto semplice ma che e quasi ipnotico. Ovvero: se il Papa renuncia al munus, al titolo, egli abdica a norma del Canone 33 2.2. Se invece rinuncia al ministeri si trova in sede impedita. In sede impedita, il Papa resta Papa per quanto prigionero.

Noi sappiamo che Benedetto XVI ha rinunciato al ministerium quindi, per questo motivo, io insieme ad altri canonisti, religiosi, teologi, eccetera posso afermare che Benedetto XVI è in sede impedita quindi è il solo Papa e per questo lui ripete da otto anni: il Papa e uno solo e non specifica mai quale di due. Ora, nelle traduzioni in lingua straniera di questa Declaratio che noi da otto anni abbiamo preso per una rinuncia al papato -ma chi era un anuncio di sede impedita– il munus e il ministerium vengono tradotti con una sola parola: ministero in italiano, minister in francese, ministerio in spagnolo e portoghese, ministry in inglese. Quindi, questa dicotomia fundamentale fra munus e ministerium nelle lingue straniere no si evidenzia, tranne che in una lingua, il tedesco. In tedesco noi abbiamo una dicotomia fra il munus e il ministerium. Il munus, che si dice Amt e il ministerio che si dice Vingst.

Francesco Merolli: Quindi si dice che il latino sia il tedesco hanno una doppia parola per le due … [concetti]
Andrea Cionci: Precisamente. Abbiamo il munus che e l’Ant e il ministerium che e il Vingst. Quello che ho appena scoperto -veramente con sgomento– e che nella versione tedesca de la Declaratio, il Ant e il Vingst si trovano al posto invertito, e ve lo chiarisco molto semplicemente

” … ad cognitionem certam perveni vires meas ingravescente aetate non iam aptas esse ad munus Petrinum aeque administrandum.” (Benedetto XVI, Declaratio, 11 February, 2013)

Sostanzialmente, Benedetto XVI in latino ha dichiarato: “siccome il munus mi è diventato faticoso, renuncio al ministerium” e così andiamo in sede impedita.

” … qui ultimis mensibus in me modo tali minuitur, ut incapacitatem meam ad ministerium mihi commissum bene administrandum agnoscere debeam.” (Benedetto XVI, Declaratio, 11 February, 2013)

In tedesco la traduzione letterale avrebbe dovuta essere: “siccome il Amt mi è diventato troppo faticoso rinuncio al Vingst. In realtà, si voi andate a controllare sul sito del Vaticano, nella versione tedesca c’è scritto l’oppsto: “siccome il Vingst mi è diventato troppo faticoso, rinuncio al Amst.” Ovvero, in tedesco, Benedetto XVI rinuncia al munus, al titolo di Papa. Quindi, la versione Tedesca della Declaratio sembra a tutti gli effetti una rinuncia al papato. Ma siccome l’unica versione che conta è quella latina cioè la lingua ufficiale -quella la lingua ufficiale della Chiesa– la lingua in cui lo stesso Benedetto XVI ha proferito la sua Declaratio, ecco che questa inversione appare come uno scherzo, come un piccolo trucco per gabbare il clero tedesco, i canonisti tedeschi, i quali, per i quali in fatti, la rinuncia non comporta nessun problema giuridico. Per loro la Declaratio è una rinuncia al papato a tutti gli effetti.

I tedeschi sono pignoli ma non sono stati abbastanza pignoli da andare a controllare che tra la versione latina e la versione tedesca vi fosse una reale correspondenza fra la posizioned del Amt e la posizione del munus. Avete capito? Quindi, da questo noi abbiamo l’ennesima prova del fatto che Benedetto XVI era stato costretto ad abdicare, ma lui si è retirato, si è auto esiliato in sede impedita. E i suoi principale inimici sono i religiosi tedeschi. AI tedesci no si può dare in pasto una parola ambigua come ministero, ministry, ministeri, o come succede nelle altre lingue, perche i tedeschi poi vogliono sapere: “Sì, ma quale dei due ministero il ministerio munus o il ministero ministerium?” E abbastanza grave che in italiano che è una lingua così direttamente legata al latino, nessuno tramite inque a questo genere ha mai analizato il problema.

Francesco Merolli: Per essempio é più semplice per l’italiano…

Andrea Cionci: Certo, ma è stato fatto apposta perché quando Papa Benedetto dice “sì, sì! la mia renuncia al ministero è valida chi non è latinofono e chi è digiuno di diritto canonico non sa chi lui si riferische al ministero ministerium e non al ministero munus. Okay, perché la stessa parola vuole significare tutti due gli enti che sono diversissimi e che non hanno alcuna transitività fra di loro perché ci puo essere un Papa con il munus che per causa di forza maggiore rinuncia al ministerium se i imprigionato se scacciato da un antipapa eccetera, ma non si può essere un vero Papa con il solo ministerium che acquisisca anche il munus. Per simplificare un conte ha la possibilità di governare la sue terre se poi cade in rovina resta sempre conte anche se non ha delle terre da amministrare. Vice versa un amministratore che si occupi di amministrare le terre del conte non diventa conte. Ecco perché noi possiamo parlare di un ‘meccanismo a speccio’. Cioè, immaginiamo un vaso da fiori davanti a uno specchio. Il vaso esiste a prescindere dalla sua imagine riflessa nello specchio. Ma la immagine riflessa nello specchio non può esistere senza l’originale. Un Papa senza ministerium non può esistere perché è un Papa spodestato, un Papa imprigionato, un Papa detronizzato come ce ne furono per esempio nel primo milenio. Il Papa Gregorio V Bruno di Carinthia [Latino: Gregorius V; c. 972 – 18 Febbraio, 999] primo Papa tedesco, o il Papa Benedetto VIII [Latino: Benedictus VIII; c. 980 – 9 April 1024] più affilato dil Conti dei Tuscono. Entrambi furono temporariamente scacciati dai loro antipapi nemici e poi furono reinsediati sul trono petrino tale quale. Infatti, Benedetto XVI nel libro “Ultime Conversazioni” del 2016 ci dà proprio una frase rivelatrice su queto punto perché il giornalista tedesco seval degli chiede: “Allora, Santitá, come si è sentito quando si è dimesso?” E Benedetto risponde: “Non è così semplice naturalmente. Nessun Papa si è dimesso per mille anni e anche nel primo millennio è stata un’eccezione. Ora, siccome nel primo millenio si sono dimessi 6 papi, nel secondo millennio si sono dimessi 4, intendendo con la parola “dimissioni” la parola “abdicazione” quello che sta dicendo Benedetto XVI è assurdo. A meno che noi non consideriamo l’uso che lui fa della parola dimissioni che è un uso costante che lui fa della parola dimissioni cioè come dimissioni dal ministerium un abbandono dell’essercizio practico del pottere e infatti abbiamo che nel primo millennio, come lui dice giustamente –prima della riforma gregoriana– ci furono due papi che furono costretti a rinunciare al ministerium mache rimasero papi appunto il citato Gregorio V e Benedetto VIII il primo Papa tedesco, e il Papa Benedetto che aveva il suo nome. Anche qui possiamo riscontrare una curiosa coincidenza storica no da una parte primo Papa tedesco, e dell’altra parte, un Papa che si chiamava Benedetto VIII per altro che nel primo millennio la metà di 16 (sedici) no divertente anche queste cose… Quindi, con quella frase, Benedetto XVI ci dice: “Mi sono dimesso come i Papi che non hanno abdicato. Perché? Perché sta in sede impedita.

Andrea Cionci: In questo articolo di qualque giorno fa e parli di questo vescovo vestito de bianco sempre e non si è capito bene chi è questo vescovo, e a un certo punto a Fatima addiritura lo stesso Bergoglio parla di questo vescovo vestito di bianco adesso possiamo anche ascoltar brevemente la clip e commentare chi è questo vescovo vestito di bianco (in genere i vescovi non sono così [vestiti] di bianco.)

[Le parole di Bergoglio sono in portoghese]

“Salve Mãe de Misericórdia,
Senhora da veste branca!
Neste lugar onde há cem anos
a todos mostraste os desígnios da misericórdia do nosso Deus,
olho a tua veste de luz
e, como bispo vestido de branco,
lembro todos os que,
vestidos da alvura batismal,
querem viver em Deus
e rezam os mistérios de Cristo para alcançar a paz.

Francesco Merolli:  Andrea, spiegamo per chi non lo sa velocissimamente, cossa è il terzo segreto di Fatima, cosa accade a Fatima nel 17 per qualche mese di seguito e chi era Sor Lucia e

Andrea Cionci: E, si. Si trata di una famosissima importantissima apparizione Mariana riconosciuta dalla Chiesa. La Maddona aparve a questi pastorelli [del paese] di un paese di Portogallo e diede sostanzialmente tre messaggi di cui l;ultimo è stato rivelato reso pubblico nel 2000. Ora, in questo nel terso segreto di Fatima … questo terso segreto di Fatima è stato attribuiti [diciamo] la sua realizzazione è stata attribuita all’attentato che subì Giovanni Paolo II nel 1981. Perché? Perché si tratta di una sparatoria che vede coinvolto un Papa, eccetera.

Io mi sono permesso di fornire, di offrire una mia interpretazione che naturalmente vale quanto può valere l’interpretazione di un giornalista. Era assolutamente non mi permetto di … di ammonirla come una veritá assoluta anche perché nel mondo delle profezie e perché chiaramente non possiamo avere una certezza, nessuno si può arrogare questo diritto. Però siccome appunto altri giornalisti avevano tentato in passato dei fornire delle interpretazione mi sono umilmente cimentato anche io. Allora noi vediamo che la figura dello specchio è essenziale per capire questa faccenda cioè nulla è come sembra: c’è una realtà e c’è una realtà fittizia, c’è un munus che è il soggetto e c’è un ministerium che è il suo riflesso. Abbiamo un vero Papa che è impedito e sembra un ex Papa, e al suo posto abbiamo un antipapa che invece sembra un vero Papa. Sono uno il rovescio dell’altro e quindei questa specularitá che emerge dalla questione della declaratio di Benedetto XVI io l’ho riscontrata anche nel terzo segreto di Fatima. Perchè? Che Cosa dice Suor Lucia? Dice:

“E vedemmo qualcosa di simile a come si vedono le persone in uno specchio quando vi passano davanti una luce immensa chi è Dio, un vescovo vestito di bianco. Abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre. Altri vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose salire sulla montagna ripida in cima alla quale c’er una grande croce di tronchi grezzi come si fosse di sughero con la corteccia. Il Santo Padre, prima di arrivarvi attraverso una grande cità mezza in Rovina e mezzo termulo con passo vacillante affito di dolore di pena, pregava per le anime dei cadaveri che incontrava nel suo cammino. Giunto a la cima del monte prostrato in ginocchio ai piedi della grande croce, venne uncciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi di arma da fuoco e frecce. E allo stesso modo morirono gli uni dopo gli altri i vescovi, sacerdoti, religiosi, religiose, varie persone secolari e uomini e donne di varie classe e possizioni.”

Ora, Suor Lucia vede allo come si vedono le persone che passano davanti allo specchio un vescovo vestito di bianco in una grande luce. Allora, questa cosa mi ha impensierito perché Bergoglio effetivamente è un vescovo vestito di bianco. Perchè? Prechè, si come il vero Papa non ha abdicato ma è in sede impedita, lui è antipapa e quindi, siccome si sa con il papato che con l’antipapato si perde la porpora cardinalizia, Bergoglio fattualmente è un vescovo vestito di biano. Parentesi — perché con il papato e il antipapato si perde il cardinalato? — perdonate l’assonanza, perché il titolo cardinalizio è un titolo di dignità, non é un titolo sacramentale. quindi è come diciamo un principe che ha il títolo de una chiesa teso a cardinale con il titolo di Santa MAria degli Angeli. Con l’antipapato questo titolo si amplia a tutto, a tutta la Chiesa. D’acordo? Non è più solo una chiesa di cui il cardinale ha il titolo, l’antipapa ha tutta la Chiesa a suo nome ecco perché Bergoglio non è più cardinale ma è un vescovo, ma essendo antipapa è un vescovo vestito di bianco. Ora siccome questo “vescovo vestito di bianco e visto a lo specchio” è nella seconda parte del messagio di Fatima si cita il Santo Padre. Questa cosa mi ha fatto pensare perché in queta seconda parte dove si vede questo Santo Padre che sale il mont e poi viene barbaramente ucciso, a mio giudizio, deve essere interpretata completamente a rovescio. Perché? Perche è visto allo specchio! QUindi non stiamo parlando secondo me di un vero Papa che, poverino, sale faticosamente il monte e poi viene barbaramente trucidato e giusti …

Francesco Merolli: Ma di un simbolo, ma di una serie di simboli …

Andrea Cionci: Tutta l’interpretazione è ovviamente simbolica, onirica, dicciamo così. Ma soprattutto no è il vero Papa quello che sale il monte e che viene ucciso. Io la interpreto così: Questo vescovo vestito di bianco sale faticosamente un monte per arrivare “a una croce di sughero”. Perché “di sughero”? Allora, il sughero è il materiale più commerciale che esista. Il sughero, come tutti sappiamo e un materiale leggero, fragile, poroso, friabile. Soprattutto la sua corteccia si stacca a pezzi, tanto che nel preseppio simuliamo delle montagne, o dei tronchi con la corteccia vuota del sughero. Allora, una croce fatta di corteccia di sughero giammai potrebbe sostenere il peso di un uomo crocefisso. Quindi, a mio viso, la croce di sughero significa questa grande religione mondialista che sta cercando di realizare l’antipapa Francesco; che è una religione falsa, vuota, cava … che non può sostenere il peso di un crocifisso cioè prescinde dal sacrificio di Cristo. Infatti come abbiamo già detto in altre occasioni, noi stiamo assistendo a uno svuotamento del cattolicesimo che viene svuotato delle sue essense cioè il culto Mariano, il culto eucaristico ed è sembra destinato a diventare il contenitore de una macroreligione funzionale aquel nuovo ordine mondiale di cui che si augura lo stesso Bergoglio. Non diventichiamo che in un’intervista al quotidiano La Stampa del 13 de marzo 2021, Bergoglio dice che non bisogna sprecare la crisi sanitaria ma impiegarla per construire un nuovo ordine mondiale. Quindi, se lo dice lui, possiamo crederli. Nuovo ordine mondiale ha bisogno di una nuove religione mondiale. Questa nuova religione mondiale deve poter assorbire tutte le altre religioni e quindi, per forza di cose, gli elementi identitari del cattolicesimo devono sparire: via il culto, via la transustanziazione, resta solo questo volemose bene, buonistico, questa misericordia, vanno tutti in paradiso, non si capisce certo.

Quindi, nel momento in cui qui l’antipapa riesce a coronare il suo sogno di realizare questa falsa religione mondialista, inginocchiandosi di fronte alla croce di sughero, arrivano dei soldati che gli sparano.

Ora, in questa scena, a livelo simbolico, a mio giudizio si vedono i militanti cattolici, i nuovi crociati (potremo dire) che lo smascherano, che lo delegitima, che lo depongono in quanto antipapa. Quindi diciamo l’uccisione è chiaramente simbolica. Adesso i bergogliani mi diranno che io sto incitando all’attentato a Papa Francesco, figuriamoci mettiamolo inconto perché il livello del dibattito è quello. Comunque ripetto, si tratta de una uccisione simbolica. Interpretazione dove questo gruppo di soldatti che gli sparano colpi di armi da fuoco e frecce, questi colpi –a mio avviso– sono appunto testimonianzi, articoli, veritá, atti ance dicciamo dimostrativi. Oggi vedevo che un prete, (mi pare americano forse inglese, non so) in San Pietro ha urlato contro Francesco dicendogli: “tu non sei re, non sei Papa” qualcosa del genere. Anche questi gesti eclatanti fanno parte di una serie di colpi che questo Papa subisce. Una cosa importante e simbolic –secondo me– è capire che vuol dire questo pregava per le anime dei cadaveri. Ora, non ha alcun senso dire pregare per l’anima di un cadavere perche il cadavere è, per sua definizione, un corpo inanimato.

Allora, che cosa può voler dire? Io penso che col termine “cadaveri” il messagio si riferisca ai cadaveri spirituali, cioè persone spiritualmente morte, cadaveri ambulanti –dicciamo così– in questo senso, Bergoglio può pregare o le sue divinità nel sio pantheon sconosciuto oppure il mondo di accogliere le instanze più segrete, la volontà interiore, l’anima di questi cadaveri spirituali, di questa gente morta spiritualmente che lui incontra sul suo cammino, e da un punto di vista cattolico potremmo individuare questi personaggi come tutti quei VIP non cattolici, dichiaratamente atei, laicisti, finto cattolici che Bergoglio incontra e attrezza, pensiamo a Scalfari, Biden, Obama, Emma Bonino … tutti questi personaggi che nulla hanno a che spartire con il cattolicesimo ma anzi sono hanno veramente una posizione anticattolica. Io non sto dicendo che loro sbagliano, che … però sono anti cattolicci. Cioè, Emma Bonino è responsabile dell’introduzione dell’aborto in Italia no può essere definita cattolica! Biden, che è un oltranzista dell’aborto al nono mese non può essere definito cattolico. Mi spiego?

Quindi, –secondo me– questi cadaveri ambulanti per i quali il falso Papa prega, sono questi personaggi qua è infatti si dice anche che questo vescovo vestito di bianco attraversa una grande città mezza in rovina cioè, taglia in due una grande città. Quale può essere una grande città dove c’è il Papa? Roma! Quindi, questo antipapa ha diviso in due il papato distruggendone metà perché la vera Chiesa Cattolica è andata in rovina. Quindi lui taglia “attraversa” nel senso di tagliare in due , di separare questa grande città: una parte manda in rovina e si inerpica per questa faticosa impresa di realizare la nuova religione mondialista.

Questa è la mia interpretazione.

Francesco Merolli: Simbolicamente pottrebe essere quella passegiatta per via del corso nel 2020 quando lui attraversata pia di Roma, no? Né durante il coronavirus nel momento più importante. Infatti tu nel tui articolo a un certo punto parli di queste grandi fiamme che pottrebero incendiare il mondo intero, che pottrebero essere in un certo senso interpretate come il COVID, dei focolai del COVID. Tu hai dato una interpretazione anche politica della cosa, dell’articolo.

Andrea Cionci: Si, si. Interesante questa tua annotazione sulla passegiatta di Via Condotti.

Francesco Merolli: No, era la Via del Corso lui andava a piedi che da Santa Maria Maggiore.

Andrea Cionci: Si. Pottrebe essere un’altro lettore mi aveva fatto notare che appunto questo passo tremulo, passo vacillante di questo vescovo vestito di bianco c’è un riscontro anche diciamo cosí naturalistico con il passo effetivamente vacillante che ha Bergoglio, che non camina bene. ha un problema dell’anca, quindi ha un passo vacillante. Ecco io mi sono astenuto diciamo dal fare dei raffronti con la realtà fisica perchè secondo me, è necessario rimanere su un piano simbolico, logico-simbolico e un po come nei sogni, si interpretano il mare, la casa …

Francesco Merolli: Non voglio una risposta in questo senso … è chiaro. Però volevo chiederti, volevo portarti a fare un ragionamento che mi è venuto en mente. Io ho studiato un fenomeno della profezia che si auto adempie. Cioè la profezia che nel momento in cui diventa così importante poi diventa un po la realtà perché l’uomo la mette, la aplica.

Andrea Cionci: Guarda, io non ho i numeri per poter decidere per poter fare previsioni del genere, ti posso dire che la realtà attuale mi sembra abbastanza coincidente con questa inter pretazione del terzo segreto di Fatima. Tengo a dire che la mia interpretazione rimane tale però diciamo in un certo qual modo sono credo di essere riuscito a dare una spiegazione –discutibile per carità però in tutti questi strani detaggli onirici: l’innaffiatoio di cristallo, la croce di sughero, e come justamente tu ne la prima parte: questo riferimento all’angelo con la spada di fuoco perchè si dice che c’è un angelo con una spada di fuoco nella mano sinistra che scintillando emetteva grandi fiamme che sembrava dovessero incendiare il mondo intero. Ma si spegneva al contatto dello splendore che Nostra Signora emanava dalla sua mano destra verso di lui. Ora, noi possiamo dire che, il mondo a grosso modo è diviso in destra e sinistra tutti i governi mondiali sono di sinistro, sono di destro, sono conservatori sono progressisti. Da parte progressista non possiamo non ammettere il fatto che il COVID sia stato visto con una certa apprensione. Quindi queste grandi fiamme che sembrava dovessero incendiare il mondo intero potrebbe essere interpretato come una visione allarmística forse eccsivamente allarmistica e apprensiva del COVID. Che sembra che debba incendiare tutto il mondo.

Ma questa impostazione si spegne al contatto della mano destra della Maddona. Cioè, da mano destra dalla parte destra del mondo invece dai governi mondiali di destra, conservatori, l’approcio verso il COVID destato più di contenimento, di ridimensionamento del problema, no? Quindi io credo che questo riferimento a mano sinistra in mano destra debba intendersi come mano intesa di lato, direzione: mano sinistra / mano destra. In questo senso possiamo trovare una certa coerenza però appunto io mi fermo qui e sicuramente –una cosa che voglio specificare– è che non è che io mi baso sull mia inchiesta sulle profezie. Sono alla fine dell’inchiesta diciamo una volta configurato ilcuadro generale, uno trova delle corrispondenze anche nelle profezie, diciamo un corolario, e anche possiamo dire trascurabile perché l’approccio alla questione deve essere laico cioè buono sia per i laici per i cattolici nel senso che questa è una questione di tipo legale canonistica, fattuale, non è un approccio di fede per quanto rispettabile ma non è quello che ci interessa come giornalisti.

Francesco Merolli: Chiaro che se Papa Ratzinger stesso nel 2010 dice: “SI illuderebbe chi pensasse che la misione profetica di Fatima sia conclusa” questo è un dato importante da portualità storia.

Andrea Cionci: [è un] dato fattuale così come appunto. L’anno scorso avevo scritto un articolo sul fatto che Papa Ratzinger –grandissimo conoscitore di Fatima– probabilmente aveva tratto spunto proprio da questo specchio che viene citato nella profezia per strutturare questo meccanismo “a specchio” fra munus e ministerium. Lo ripetiamo un altra volta: il Papa può avere il munus e rinunciare al ministerium. Resta Papa ma prigionero impedito nell’essercizio del suo potere. Ma un Papa non può avere il ministerium –el esercizio del potere– ed avere automaticamente il munus perchè sennò pottebe dire avallare una usurpazione, vorrebe dire avallare una situazione come un conte che non amministra le sue terre resta sempre conte, e l’amministratore che amministra le terre del conte non diventa conte anche si alcuni teologi canonisti bergogliani hanno cercato, hanno ditto perfino questo sono riusciti a dire che “siccome Bergoglio è al ministerio ma allora automaticamente aveva anche il munus” che è un’assurdità canonica. Ma loro si stano inventando, veramente si stano arrampicando sugli gli specchi insaponati per cercare di trovare una legittimità canonica alla Declaratio. Adesso dovrano fare i conti anche con la versione tedesca in cui il munus e il ministerium sono invertiti. Vediamo come ce la spiega.

Francesco Merolli: Andrea, una altra domanda è relativa a questo nuovo ordine mondiale di cui ci hai parlato –che Bergoglio va in questa direzione abbiamo capito– però molti commenti, molti ascoltatori in molti blog leggo che molti dicono: non ci dimentichiamo che anche che Benedetto XVI parlò de un auspicio comunque di una direzione verso il nuovo ordine mondiale. Vogliamo spiegare una volta per tutte questa cosa? Che senso avesse?

Andrea Cionci: Certo, si è dunque questa faccenda del Nuovo Ordine Mondiales citata da Benedetto XVI è uno dei più groteschi fraintendimenti che sono provenuti da certa parte tradizionalista. È stato veramente un errore clamoroso perchè si riferisce a un discorso natalizio del 2008 di Papa Benedetto. Quindi in tempi ancora diciamo non sospetti. In questo discorso, Papa Benedetto diceva sostanzialmente che poi l’unico nuovo ordine mondiale è quello sotto l’egida del Bambino Gesú. Allora, voi capite bene che lui ha citato la parola “nuovo ordine mondiale” dicendo: “Signori, è inutile che cerchiate di fare vuostri nuovi ordini mondiali massonici, etc. perché al limite l’unico nuovo ordine mondiale é il Regno di Dio, il Regno di Gesù Cristo e Bambino Gesù che è arrivato a Natale eccetera. E quindi, dire che Benedetto XVI ha strizzatto l’occhio ai massoni mundialisti in quell’intervento è la cosa più stupida chge si possa dire. Quindi, chiaramente è una negazione è quella che ha fatto Papa Benedetto. No? Era una iperbole, ha detto l’unico nuovo ordine mondiale poi essere solo sotto Gesú Cristo è infatti è essatamente quello che si prefigge la Chiesa Cattolica. Cioè invadere il mondo, unificare il mondo sotto la religione cattolica che è un progetto abbastanza diverso rispetto a quello massonico di cui ben conosciamo le caratteristiche. Stiamo parlando del diavolo e del aqua santa. Quindi, bisogna fare attenzione quando si citano queste cose perché poi ritornano contro.

Francesco Merolli: Io ringrazio Andrea Sonci.

Andrea Cionci: Grazie a voi, grazie allo spazio e onore a voi perché siete une delle pochissime organi di informazione che divulga questa cosa che è tenuta completamente censurata, sotto censura completa.

Francesco Merolli: Bene. Torniamo a fare una chiaccierata prossimamente. Grazie Andrea!

Andrea Cionci: Grazie ancora.


[2] Here, I copied the actual words of Sr. Lucia instead of retranslating into English the Italian version Mr. Cionci is quoting by memory, I quote the most broadly used English translation of Sr. Lucia’s words. See the Italian text for the exact words used by Mr. Cionci.

[3] NOTE: “We had the impression that it was the Holy Father” is a strange annotation by the seers. Why not saying “he was the Holy Father”? I do believe that phrase is presented in that way not because the man is the Holy Father but because the seers at first believed him to be the Holy Father but that first impression was later corrected in a manner that is not disclosed to us. Perhaps the Third Secret originally contained that information.